Disturbo da attacchi di panico

Tutti i Servizi
disturbo-da-attacchi-di-panico
DISTURBO DA ATTACCHI DI PANICO


Il disturbo da attacchi di panico è caratterizzato dalla preoccupazione che alcune sensazioni o situazioni possano essere la causa di problematiche gravi, quali avere un infarto, impazzire o perdere il controllo. La persona che ne soffre, evita alcune situazioni, poichè, all’idea di affrontarle, teme le sensazioni emotive e fisiche che potrebbe provare. E’ un disturbo che causa forti limitazioni nella vita quotidiana, a causa degli evitamenti frequenti. 
I sintomi fisici causati sono:

  • Palpitazioni
  • Sudorazione
  • Tremori
  • Dispnea
  • Sensazione di asfissia
  • Dolore al petto
  • Nausea
  • Sensazione di instabilità e sbandamento
  • Derealizzazione (la realtà esterna appare strana ed irreale) o Depersonalizzazione (avere la sensazione di essere staccati dal proprio corpo)
  • Sensazione di perdere il controllo, impazzire o morire
  • Parestesie (ad esempio, avvertire formicolii), brividi o vampate di calore
L’agorafobia è la paura per tutte quelle situazioni da cui non è possibile allontanarsi. La persona sente il bisogno di allontanarsi per raggiungere un luogo sicuro. Chi soffre di agorafobia cerca di evitare i luoghi non familiari o pubblici, ha difficoltà ad uscire e a viaggiare. 

L’agorafobia è caratterizzata da sintomi quali:
  • Ansia legata al trovarsi in luoghi in cui sarebbe difficile allontanarsi, fuggire oppure chiedere e ricevere soccorso, nel caso in cui si verificasse un attacco di panico o una crisi d’ansia.
  • Le situazioni temute vengono evitate o affrontate con molta difficoltà oppure tramite il supporto di un accompagnatore.
  • L’ansia e l’evitamento limitano il funzionamento socio-lavorativo del soggetto e non derivano da altri tipi di paura o fobie
Secondo il DSM-5 per fare diagnosi di disturbo di panico devono essere soddisfatti i seguenti criteri:

  1. presenza di attacchi di panico inaspettati e ricorrenti (un solo attacco non è dunque sufficiente), dei quali almeno uno seguito da un mese (o più) di preoccupazione persistente di avere altri attacchi e/o di preoccupazione relativa alle implicazioni o alla conseguenze dell’attacco (ad esempio, perdere il controllo, avere un infarto cardiaco, impazzire), e seguiti da una significativa alterazione del comportamento correlata agli attacchi di panico.
  2. presenza o assenza di Agorafobia (il disturbo di panico può infatti presentarsi anche in assenza dei timori agorafobici descritti nella sezione precedente).
  3. gli attacchi di panico non devono essere causati dagli effetti fisiologici diretti di una sostanza (per esempio, da abuso di una droga) o di una condizione medica generale (ad esempio, ipertiroidismo).
  4. Gli attacchi di panico non devono essere meglio giustificati da un altro disturbo mentale, come ad esempio la Fobia Sociale.


Per qualsiasi Informazione o per fissare un appuntamento non esitare a contattarmi..